Un sincero grazie al centro estivo di Evergreen mentre la solita critica va al servizio mensa

Senza nulla togliere agli altri centri estivi attivati nel corso dell’estate 2008, intendo esprimere il mio più sentito ringraziamento al centro estivo organizzato dall’Associazione “Evergreen” che ha coperto l’intero periodo delle vacanze estive, fornendo un preziosissimo servizio alle famiglie. Mia figlia ha trovato occasione di svago e divertimento nonché di socializzazione frequentandolo con assiduità.

Come ogni anno, con l’apertura dell’anno scolastico, per la mia famiglia iniziano i problemi in quanto le prime due settimane l’orario è ridotto come se i genitori in quel periodo non dovessero andare a lavorare e potessero trovarsi davanti alla scuola alle 12,20 a recuperare i propri pargoli.

Insisto nel dire che occorrerebbe attivare da subito perlomeno il servizio mensa e che questo andrebbe protratto fino all’ultimo giorno di scuola. So che in altri plessi scolastici la mensa parte contestualmente all’apertura delle scuole. Non mi risulta che vi sia un periodo scoperto.

D’altro canto, se molti di noi con i figli alla scuola primaria hanno optato per i tre rientri o per il tempo pieno, evidentemente un problema c’è, dunque occorre che venga recepito da chi di dovere.

Fortunatamente ci ha pensato l’efficiente staff del Centro Educativo (v. animatori del centro estivo di cui sopra) che accoglie i ragazzi (con pranzo al sacco) all’uscita delle lezioni. Senza di loro noi avremmo avuto davvero seri problemi.

Milano Expo 2015

Estraggo e sintetizzo dal sito www.milanoexpo-2015.com :

“Il tema dell’Expo: Feeding the Planet, Energy for Life – …sarà uno straordinario evento universale che darà visibilità alla tradizione, alla creatività e all’ innovazione nel settore dell’alimentazione…alla luce dei nuovi scenari globali al centro dei quali c’è il tema del diritto ad una alimentazione sana, sicura e sufficiente per tutto il pianeta… La genuinità e la diffusione di prodotti agro-alimentari è innanzi tutto una necessità sociale, oltre a rappresentare un importante valore economico. Centrale è il ruolo del territorio, in quanto la qualità e la genuinità del cibo vanno di pari passo con la tradizione consolidata nelle attività di coltivazione e di allevamento dei popoli e delle comunità locali, frutto d’esperienze millenarie sulle quali oggi si innestano forti innovazioni scientifiche e tecnologiche. Le istituzioni pubbliche, le imprese private, le associazioni umanitarie, le organizzazioni non governative, le rappresentanze dei consumatori e dei produttori promuovono, lungo l’intera filiera agro-alimentare, lo sviluppo dei sistemi economici e sociali di tutto il Pianeta…. All’Expo molte opportunità di promozione e di comunicazione: l’Expo 2015 offrirà una grande opportunità di comunicazione e di promozione alle comunità produttive di base, agli agricoltori, alle imprese alimentari, alla catena della logistica e della distribuzione, al comparto della ristorazione, ai centri di ricerca e alle aziende che intendono:

  • valorizzare le innovazioni e le tecnologie produttive che generano un prodotto alimentare sano;
  • operare nella preparazione e conservazione dei cibi, accrescendo le competenze professionali dei loro dirigenti e dei loro dipendenti e migliorando la comunicazione con il consumatore;
  • garantire la qualità del cibo con appropriati sistemi di tutela e monitoraggio delle contraffazioni e delle adulterazioni.”

Niente, vi ho propinato tutto ciò sia per incuriosire chi non è già stato sul sito di Milano Expo sia per stimolare la chiacchiera: qualcuno sa se sul nostro territorio qualcuno sta preparando progetti da presentare? Se sì, dove? quando? chi? cosa? Io che ho sgobbato a Bologna 2000 città europea della cultura so per esperienza che il 2015 è dietro l’angolo…. Fateci sapere, forse ci piacerebbe impicciarci… o no?

P.S.: sul sito è pubblicato il librone per la presentazione di progetti, ma è di un fantastiliardo di pagine tutte in inglese…

Piccante e autoprodotta … peperoncini della Lina

Per ringraziare Angela che ci delizia di sue ricette e preparazioni, dopo la ricetta della conserva di pomodoro che pubblicai anno scorso riporto ora la ricetta che una mia vicina mi diede circa 4 anni fa e da allora … Non l’ho + abbandonata!!!

Si utilizzano i peperoncini a cornetto e una volta lavati per bene e rimosso il gambo e la relativa corolla li si pesano quindi si procede con il metterli a gruppetti e, sopra l’asse, affettarli facendo rondelline quanto più possibile sottili ed uguali.

Si predispone un piatto largo e profondo (vedete nella foto che io utilizzo una vaschetta di grandi dimensioni in cui posizionare un piatto rovesciato affinchè si possano mettere i nostri rondellini di peperoncino assieme al sale (1 cucchiaio di sale grosso di Cervia ogni etto di peperoncini…) e così si tengono per due giorni (48 ore) durante i quali si deve cercare di mischiarespesso con un cucchiaio.

In questo periodo di tempo il peperoncino cede l’acqua che va ad accumularsi sul fondo del contenitore… e così si spiega perchè di questo trabiccolo 🙂 Continua a leggere “Piccante e autoprodotta … peperoncini della Lina”

Un regalo ad un nuovo cittadino meldolese.

Con grande tripudio di felicità e di contentezza sono lieto di condividere con voi la nascita di Ludovico, nato proprio nella mattinata di oggi, 07 Settembre 2008. Sia lui che sua mamma stanno bene ed adesso stanno riposando 🙂

Questa giornata, un po’ avara di sole, per me e la mia famiglia è stata rischiarata e resa indimenticabile da un nuovo raggio tutto nostro. Ora che io e Barbara abbiamo tre raggi di sole spero riusciremo a inquadrare meglio la via maestra da seguire per cercare di lasciare ai nostri Leonardo, Lorenzo e Ludovico in eredità saldi principi e un bel paese chiamato Mondo in cui vivere.

Non sapevo che regalo fargli ma mi è bastato vedere i suoi occhi e udire i suoi strilli appena uscito dalla pancia della mamma che ho subito capito che il miglior regalo da fare ad un “combattente valoroso” dopo 1234 giorni di digiuno incrementale già fatti sia quello di continuare a fare qualcosa per lasciargli un pianeta vivibile e, possibilmente, che non sia ridotto a solo fumo e cenere.

Ottenuto il beneplacito di mia moglie ed il via libera dalla mitica squadra del Clan-destino e dalla inossidabile Raffaella, ho così iniziato la serie dei 5 giorni di digiuno.

<!– @page { size: 21cm 29.7cm; margin: 2cm } P { margin-bottom: 0.21cm } –>

Ringrazio, allo scopo, anche le cinque persone che sono state “sospese” e spostate per far posto a me, che ci sono entrato di prepotenza, per causa di forza maggiore. Una splendida causa, però, che gioverà, spero, a quella della catena del digiuno, che non conosce tregua da 490 giorni e continua ad andare avanti sia con digiuni di 24 ore che con digiuni di più giorni consecutivi (ricordiamo, oltre ai miei, quelli di Raffaella Pirini e di Michela Nanni dell’Ass. Clan-Destino, rispettivamente di 7 e 8 giorni consecutivi).

Quando Ludovico sarà grande spero capisca che la sua famiglia si è opposta come ha potuto a un modo di approcciare i problemi “infernale” come appunto è il fuoco degli inceneritori; rammento però che l’impegno attivo per cercare di far aprire gli occhi agli Amministratori pubblici occorre accompagnarlo anche ad un impegno in prima fila nel cercare di ridurre i rifiuti e in questo penso che il migliore alleato siano attualmente gli inGASati, con cui tanta strada abbiamo fatto …

Adesso per qualche giorno me ne starò buono buono e mi godrò sia il digiuno che la mia famiglia riunita e nuovamente allargata.

Saluti particolarmente radiosi a tutti

Attenzione a cosa firmate

Riporto il testo di una mail che si potrebbe quasi considerare inutile ma evidentemente qualcuno ancora firma senza leggere bene le parti più in piccolo … spero che da noi non si veirifichino casi del genere ma, pur di vendere, ci sono persone senza scrupoli!!!

Saluti radiosi

Federconsumatori Forlì Cesena vuole sensibilizzare i cittadini su alcune semplici regole che è utile adottare a tutela del risparmio e dei propri diritti di consumatori.

Con particolare riferimento alle normative contrattuali avvisiamo la cittadinanza che è di fondamentale importanza prestare attenzione mentre ci si appresta a firmare un contratto sia dentro che fuori dai locali commerciali.

E’ infatti possibile, e purtroppo sempre più diffuso, che contestualmente al contratto di vendita venga fatta apporre la firma ad un finanziamento ad esso collegato. Ciò provoca un conseguente aggravio di costi a carico del consumatore che, senza esserne adeguatamente messo al corrente, si impegna a restituire la somma pattuita al momento dell’acquisto con l’aggravio di interessi molto onerosi.
Al fine di evitare che ciò accada, è bene non fidarsi dei soli accordi verbali ma leggere nel dettaglio il contratto e tutte le clausole, facendo attenzione che queste non rimandino ad occulte adesioni a finanziamenti.
Le firme vanno quindi apposte SOLO nel caso in cui ciò che viene proposto dall’agente/commerciante corrisponde esattamente a ciò che si trova sul contratto; in caso contrario, bisogna rifiutare la proposta e consigliamo di segnalare l’accaduto presso le associazioni dei consumatori.

Per informazioni rivolgersi a:
Federconsumatori Forlì – Cesena
Via Pelacano, 6
47100 – Forlì (FC)
tel e fax: 0543 371170
e-mail: federconsumatoriforlicesena@yahoo.it

L’autobus …. ingrassa!!!

Effettivamente devo dire che il precedente articolo che riguardava ATR (Azienda Trasporti Romagnoli) e le sue perdite ha fatto un discreto effetto; e siamo passati direttamente dalla padella alla brace, o meglio dai “Sacchi” al Mac Donald’s.

Noi si cerca di togliere gli snak ipercalorici dalle scuole Medie di Meldola (riuscendoci…) per preparare i nostri figli ad avere in dote una svagonata di hamburger e patatine gratis quando inizieranno ad andare alle superiori e che gli arriveranno in dotazione assieme all’abbonamento al trasporto pubblico.

Non ho veramente parole ma qualche consiglio mi permetto di darlo lo stesso:

Facciamo come fanno a Manchester dove nel mese di agosto l’amministrazione pubblica ha lanciato una campagna per promuovere la ginnastica alle fermate dei mezzi pubblici. Continua a leggere “L’autobus …. ingrassa!!!”

Caro libri … le nostre scuole Meldolesi non sono da meno, ma anche tu puoi iniziare a fare qualcosa

In questi giorni si fa un gran dire dei rincari attuati sui libri di testo; onestamente questa cosa mi fa veramente ribrezzo perché qui si approfitta di un diritto sacrosanto che è quello all’Istruzione sfornando nuove serie di testi che spiegano sempre la stessa e medesima materia (penso che le regole ed i teoremi matematici non seguano le mode annuali ma restino fissi così come potrebbero rimanere identici anche “I Promessi Sposi”).

Avevo scritto una mail a diversi interessati (se volete ho tutto conservato) in cui lamentavo che allo stato attuale un insegnante DEVE dotare la classe di libri di testo pena possibili denunce sia all’insegnante che al Dirigente scolastico. Questo è il primo problema con cui si deve fare i conti.

Subito dopo viene il fatto che, normalmente, vengono scelti dei libri “di partenza” in prima media (ad esempio) poi si ultima il corso (seconda e terza media) sempre con la medesima “collana” ma a quel punto siamo in balia dei prezzi stabiliti da chi li pubblica….

Leggetevi il resoconto dell’ultimo Consiglio d’Istituto (nella sezione relativa alla scelta dei libri di testo) ed avrete le idee + chiare con qualche cifra economica REALE e che fa ben riflettere.

Ed ecco che si potrebbe chiudere il cerchio, una volta liberati i professori/maestri dal vincolo di dover per forza scegliere dei libri, se si riuscissero a creare dei libri sullo stile di Wikipedia (in licenza GNU FDL) ma qui vi rimando ad una petizione che il bravissimo Alessandro Ronchi ha avviato fresca fresca e che ho sottoscritto appena ho visto. Leggetela e firmate … per favore. Se non vi frega niente per voi pensate ai vostri nipoti o alle tasse  che pagate che magari vanno ad aiutare chi non si può permettere di acquistare tutti i libri che occorrono ai propri figli per l’istruzione obbligatoria.

Io intanto continuo a sollecitare risposte al mio quesito iniziale … quando mi ci metto mi faccio paura 🙂

Saluti radiosi