Ti impegni a … spedito!!!

Alla fine ci siamo riusciti, lunedì 27 aprile ho spedito ai due candidati (che al momento sembrano solitari nella corsa alla poltrona di Sindaco) per la nostra città la versione definitiva del “Ti impegni a …” .

Si sono aggiunti sullo scadere un paio di amici che hanno qualche “negazione informatica” e mi hanno pertanto detto a voce le loro domande … ora vediamo se qualcuno si accorge delle aggiunte dell’ultimo minuto fatte … in palio una bella settimana con … Ludovico :-)))

Attendiamo pure il 15 maggio per le risposte e per poterle approfondire … valutando le differenze.

Intanto ringrazio di cuore le 15 persone che alla fine hanno contribuito direttamente a questa idea che, poi, è stata esportata anche agli inGASati ed ora anche i candidati di Forlì si troveranno presto delle domande a cui rispondere 🙂

Saluti radiosi

Annunci

Progettazione partecipata del Parco Fluviale

immagineDevo proprio ammettere che ero partito parecchio prevenuto nei confronti di un’iniziativa dell’Amministrazione Comunale che vede sia bambini che adulti impegnati in una prova di “progettazione partecipata” appunto di quello che sarà il Parco delle Fonti. Mi scuso pertanto con l’Architetto Flamigni che già da tempo mi aveva inviato l’invito e che ancora non avevo pubblicato; volevo semplicemente vedere come si svolgeva il primo incontro 🙂

Direi che oltre alla presenza Istituzionale (tre Consiglieri Comunali ed anche un Assessore) c’erano anche oltre una decina di concittadini che volevano capire ed anche “partecipare” attivamente anche se, in alcuni casi, forse un pò troppo “criticamente” ma ogni stimolo è stato accolto e ho visto i vari conduttori della serata prendere appunti (che onestamente non è cosa da poco …)

E’ stato per me anche molto istruttivo e riporto quanto ho appreso in ordine sparso e sintetico:

L’acquedotto di Traiano (che arrivava a portare acqua a Ravenna) aveva la sua captazione proprio da Meldola e in parte proprio dove ora sorgerà il parco fluviale e proprio in quell’area sono rimasti i segni degli antichi invasi che, con il loro fondale ghiaioso, alimentavano i pozzi di carico dell’acquedotto filtrando lacqua del fiume Bidente (se si vede su Wikipedia associato al fiume Bidente si cita anche l’acquedotto di cui sopra 🙂 quindi si può proprio confermare quanto l’Architetto Flamigni asseriva circa il fatto che il parco abbia una piena inclinazione alle “acque”.

Proprio queste insenature/invasi vedranno la dimora del nuovo progetto di riproduzione della Testuggine Palustre Europea (di cui mi è stato fornito un estratto della relazione naturalistica allegata al progetto finanziato) che in diverse zone è in via di estinzione e che quindi ha permesso al parco di ottenere importanti finanziamenti Europei (si parla di 350.000€); quindi sono già partiti i lavori per realizzare il primo stralcio di Parco Fluviale che, per la verità, vede alcuni interventi “forti” che prevedono circolazione di acqua forzata fra le varie vasche in cui verranno liberate le testuggini ed una zona specifica dedicata alla riproduzione; va detto però che l’acqua che circolerà verrà tratta dalle fonti e dai pozzi in zona senza necessitare di ulteriori interventi di depurazione o quant’altro.

In pratica quindi si può partecipare alla progettazione di quelli che saranno i successivi stralci (altri tre) che comunque necessiteranno, prima di vederne l’inizio, del reperimento di fondi economici per poterli attuare.

In pratica i conduttori della serata ci hanno spiegato quanto già emerso dai loro incontri con i bambini sia della Materna che delle primarie e delle Secondarie di primo grado (Medie) e devo dire che è stato veramente piacevole sentir riportate le opinioni e richieste dei piccoli e giovani meldolesi; in + d’uno alla fine ci siamo espressi per far fare solo a loro la progettazione in quanto sembra che abbiano veramente le idee chiare e non ancora “compromesse” dalla visione adulta 🙂 …. Tanto per dirvene una: nessuno di loro ha richiesto parcheggi ma semplicemente richiesto di poterci arrivare dalle scuole senza troppi impedimenti con una bella passeggiata.

Comunque l’idea finale mi pare di aver capito sia quella di rispettare al massimo il verde e le piante esistenti, individuare correttamente le aree che meno abbisognano di irrigazione e valorizzarle opportunamente con del verde; si è anche discusso di poter coinvolgere gli anziani a cui magari assegnare un “orto” nella manutenzione del parco stesso.

Insomma di carne al fuoco ne abbiamo messa parecchia, adesso vedremo cosa si concretizzerà nei prossimi incontri … a proposito .. scaricatevi il volantino (che già gli amici de “La Tua Meldola” hanno caricato…) e … ci vediamo i prossimi lunedì!!!

Saluti radiosi

Indifferente o partigiano?

Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani.

Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano.

L’indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria; non è vita.

Perciò odio gli indifferenti.

L’indifferenza è il peso morto della storia; opera passivamente, ma opera. E’ la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l’intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare.

Tra l’assenteismo e l’indifferenza, poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora perché non se ne preoccupa. E allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti; sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un’eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti: chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente.

Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch’io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?

Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.

Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della “città futura” che la mia parte stà costruendo. In essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta la caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano, perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti.

Antonio Gramsci, 11 febbraio 1917

Resoconto Consiglio d’Istituto del 22/04/2009

L’incontro parte alle 18:05 dopo aver registrato le presenze.

Ratifica Provvedimento di Variazione Programma Annuale Esercizio Finanziario 2009 prot.n.1949/C14 del 26.03.09

Il progetto “Benvenuti in Italia” per il quale era stato richiesto finanziamento Regionale di oltre 20.000 euro è stato finanziato con poco oltre i 4.000 €.  Per il progetto di orientamento “Maycol” riservato alle classi terze medie ogni scuola deve contribuire e Meldola ha contribuito con dei fondi di esercizio 2008 di circa 250 euro. Il Comune di Meldola concede 5,000 euro per materiale di pulizia e 3000 euro per progetti volti all’integrazione degli stranieri oltre a 12.000 € per i progetti didattici. La fondazione Cassa dei Risparmi ha donato 10.000 € dedicati all’innovazione tecnologica e Meldola ha Acquistato 19 P.C. con sistema operativo Linux dentro (ne sono aprticolarmnete orgoglioso :-). Nell’allestire la sala informatica si riusciranno così a ricavare dei Computer con i quali far funzionare al meglio anche la sala informatica delle scuole primarie.

Variazione al Programma Annuale Esercizio Finanziario 2009

Vengono illustrati alcuni movimenti di poche centinaia di euro per la sistemazione di alcuni progetti. Spiegati anche 414 euro per l’arricchimento della bibblioteca delle scuole primarie e 200 per le medie.

S.Sofia, che è capofila delle iniziative per i progetti handicap, ha riconosciuto a Meldola dei fondi specifici che sono stati prontamente destinati.

Da 29,900 euro inizialmente previsti a budget per i supplenti a Gennaio sono stati riconosciuti fondi per un ulteriore 50% di quanto stanziato ma senza poter assolutamente andare oltre. Viene precisato che ad Aprile le spese per supplenzehanno raggiunto già il livello di 29.900€. Viene spiegato che la maternità obbligatorio (5 mesi) è a carico del Ministero del Tesoro mentre quella facoltativa invece è a carico della Scuola (e solo quest’ultima va ad aggiungersi al budget di cui sopra). Qualcuno richiede di poter valutare le assenze per i vari ordini di scuola e la segreteria si è detta disponibile a fare l’estrazione anche se poco significativa probabilmente. Viene spiegato che ad oggi non si conosce ancora il contributo del funzionamento amministrativo/didattico per l’anno in corso; cosa che invece veniva comunicata a novembre/dicembre dell’anno precedente l’esercizio finanziario.

Per lo spettacolo musicale finale in programma per il progetto musica di alcune classi delle scuole primarie si opta per cercare la possibilità di raccogliere fondi con offerta libera ai genitori. Continua a leggere “Resoconto Consiglio d’Istituto del 22/04/2009”

Parliamo di … energie alternative

Certo che sono proprio curioso di vedere il nostro piano energetico comunale anche perché sono assolutamente curioso di capire che cosa verrà proposto per Meldola e soprattutto di conoscere chi ha ricevuto l’incarico di redigere questo piano.

Sono piuttosto dubbioso ma nell’incrociarmi con la bellissima spiegazione di Michele Dotti (un grande che ho conosciuto per il suo impegno personale nel gruppo Mani Tese di Faenza) per un pò voglio sperare che i suggerimenti che propone possano essere presi in considerazione anche per Meldola (se volete vedere subito di che si tratta guardatevi il filmato in fondo …),

Vediamo di aprire delle scommesse, chi pensa che nel piano energetico ci saranno torri solari (forse troppo anche per il nsotro piccolo territorio…) o energia eolica batta un colpo; chi pensa che verrà proposta la panacea energetica attuale che vede energia solo nella combustione di qualsiasi sostanza comburente: pollina (che una volta era concime…); sterpi (che possono anche tornare alla terra che li ha creati per arricchirla…); rifiuti (che si possono anche azzerare e far diventare risorse volendo …) … invece è meglio che non batta colpi nella tastiera e conservi le forze mentali per leggere e documentarsi ed eventualmente venire a dire la propria nelle sedi opportune.

Insomma che dire … dobbiamo reimpossessarci di facoltà proprie che abbiamo accantonato perché preferiamo delegare gli “esperti” …. guarda qua, ad esempio, cosa gli è scappato ai nostri “esperti” e per poco si poteva addirittura giungere all’influenza aviaria tramite un semplice vaccino…

Basta ora, guardatevi il filmato e godete del vedere quello di cui la mente umana è capace se non viene semplicemente asservita all’interesse economico di qualche interesse “superiore” (scusatemi ma è un periodo in cui mi sento forse un pò catastrofista e complottista…).

Saluti radiosi

P.s. Se qualcuno vuole leggere il libro “Non è vero che tutto va peggio” … glielo presto volentieri!!!

Travaglio torna a Forlì

Nel 2006 c’ero anche io … ora i ragazzi del Passatore lo riporpongono e spero perlomeno di poterlo andare a sentire; ascoltarlo sul lettore MP3 nelle mie transumanze in bici è piacevole ma sentirlo dal vivo è certamente meglio …

Maggiori dettagli nella locandina a fianco

Saluti radiosi