Ex macello, ora che è salvo aspettiamo o diciamo la nostra?

Dunque, dunque,

diciamo che oramai l’impatto iniziale della nuova Amministrazione dovrebbe essere passato e finora penso di poter asserire che le sorprese sono state tante; ma ora veniamo all’argomento ex macello.

Come da promesse pre-elettorali la demolizione dell’ex macello è stata bloccata ed ora si possono pensare altre destinazioni per quegli immobili.

Mi è stato detto che il nostro Sindaco pensa sia una possibile location per il centro prelievi (su questo discorso sto raccogliendo dei dati per verificare se le 1892 firme che a suo tempo vennero raccolte contro questo spostamento all’ISSD fossero effettivamente inutile perdita di tempo o se invece avevano un fondo di ragione … ). Sul Carlino qualche giorno fa ho letto del caro amico Pietro Venezia che ha proposto i mercatini del biologico locale, altra grandiosa idea e sono convinto che se ne potrebbero trovare tante.

Sono fermamente convinto che l’ex macello si presti a tante possibilità che potrebbero anche convivere insieme in diverse vista la posizione strategica ed il tipo dei locali in questione.

Devo dire che mi sono riletto un pò la storia dell’ex macello di Gambettola ed ogni volta che la rileggo mi piace sempre più e penso fortemente che le cose che vengono realizzate con il coinvolgimento dal “basso” non possono sbagliare!!!

Ora mi piacerebbe capire: se invitassimo qualche Gambettolese a raccontarci la loro storia dal vivo, c’è qualcuno interessato e che parteciperebbe?

Se altri, come me, sarebbero disposti a buttarsi in un’avventura come quella dei nostri vicini o se hanno buoni contatti con qualche associazione o persona disposta a farlo?

E’ chiaro che chi ha il boccino in mano è la nuova Amministrazione Comunale ma per poter parlare loro o invitarli ad approfondire delle possibile alternative alla classica “ristrutturazione piovuta dall’alto” (certamente + comoda e meno “impegnativa”…) occorre che ci contiamo e capiamo fino a che punto siamo disposti a spenderci per realizzare favole che ora più che mai sembrano poter diventare realtà!

Come vedete non ho paura di rimanere solo ma se anche lo fossi … non avrei comunque paura lo stesso 🙂

Saluti radiosi
Annunci

18 pensieri riguardo “Ex macello, ora che è salvo aspettiamo o diciamo la nostra?

  1. Ciao a tutti, ma perchè non ci facciamo una pizza venerdì sera o sabato sera o domenica sera e ne parliamo? Perchè più che il “letterone” formale, in un paese dove comunque ci si vede tutti in piazza secondo me avrebbe più senso mandare una lettera molto snella “segue telefonata per appuntamento” chiedendo al Sindaco un incontro (magari pubblico) con il gruppo Gaspaccio/Meldolesi.net per parlare dei seguenti temi:
    – processo partecipato sulla destinazione d’uso dell’ex macello: modalità ipotesi competenze
    – il futuro del viale della Repubblica: verde e viabilità
    – Il Consiglio Comunale su web-tv: un’ipotesi di e-democracy a costo (quasi) zero.

    Poi si va e si parla a braccioni…..

    Mi piace

  2. Sentire gli amici di Gambettola che raccontano la loro esperienza penso che possa essere di aiuto o ispirazione anche alla nuova amministrazione.
    Si potrebbe fare tipo una tavola rotonda o qualcosa del genere…
    Certo che bisognerebbe programmarla per settembre, in questo periodo c’é comunque qualcuno che ancora si può permettere qualche giorno di ferie, per fortuna!

    Angela

    Mi piace

  3. riporto qui qualche proposta scambiata con piero per e-mail. sono solo idea a braccio da definire molto meglio sia nelle forme che nei contenuti ma se si volesse procedere con una progettazione partecipata ed approfittare del bando che scade ad ottobre, vedersi a settembre è troppo tardi bisognerebbe iniziare adesso.

    “Mi piacerebbe che l’ ex macello diventasse uno spazio della città o almeno di alcune fasce della città. Un posto che la gente frequenta come si frequenta un parco pubblico, ma di cui è maggiormente responsabile; un posto in cui fasce diverse della popolazione condividono spazi e eventualmente progetti scoprendo che non solo si possono vivere gli stessi spazi ma che l’incontro può trasformarsi in relazione fruttuosa anche tra generazioni diverse.

    Target: mi sembra una buona idea decidere che i target siano giovani e anziani che vivono a Meldola.

    L’obiettivo: innescare processi virtuosi di relazione coesione animazione, per far questo secondo me bisogna evitare di passare attraverso le associazioni (ricchezza ma spesso limite del nostro tessuto sociale) bisogna relazionarsi direttamente con gli abitanti unico modo per realizzare un progetto innovativo e che raggiunga l’obiettivo importante di creare coesione magari proprio dove questa è più carente. Le responsabilità di gestione devono essere diffuse e possibilmente a rotazione, la progettazione stessa un’ evento partecipato, spesso lega molto di più un percorso che un risultato.

    Come fare? Ho provato a pensare qualche idea, vaga da definire meglio insieme se si troveranno gli spazi. Pensare delle attività, delle performance, degli eventi a sorpresa… da fare nei luoghi dove già i giovani o gli anziani si ritrovano (es la mandragola, l’area sismica) che renda pubblica la riflessione in corso e spinga gli interessati a proporre idea su cosa vorrebbero, di cosa sentono la mancanza e come vorrebbero gestire questo spazio.

    Poi organizzare a cadenza regolare, in un luogo pubblico, ben visibile (magari la piazza) degli incontri sulla progettazione dell’ex macello aperti a chiunque voglia partecipare. Il tutto seguito anche da personale tecnico.

    Il reperimento del materiale e delle competenze va fatto con chi partecipa al processo (esempio banale: se si decide di fare una sala prove, sala di registrazione saranno i ragazzi che la propongono ad occuparsi dell’insonorizzazione e magari dell’acquisto delle apparecchiature in una forma da concordare con il comune, se si crea uno spazio dove giocare con la play station magari ognuno porta i suoi giochi da casa che restano di sua proprietà ma vengono inseriti in un sistema in cui sono fruibili da tutti e magari anche prestabili. Il tutto gestito da uno di loro a turno.

    Esempi stupidi magari infattibili, pensati su due piedi, l’importante e creare occasioni che permettano a chi frequenta il posto di relazionarsi con l’altro di sentire l’esigenza di un incontro e di essere capace di pensare soluzioni di convivenza e convivialità che lo costringano a riconoscere l’Altro in quanto tale.

    Chi lavora per innescare questo processo di coprogettazione? Noi (elena, marcello, piero chiunque voglia gestire la faccenda nel suo tempo libero), il comune non spende niente se non l’impegno a mettersi seduto ad un tavolo con altri cittadini e tenere conto di ciò che si elabora.

    Queste sono ipotesi che ho pensato io , ma esempi di progettazione partecipata ce ne sono già molti in giro, so che è stata fatta una cosa del genere nel quartiere del foro boario di forlì e conosco un architetto di forlì ma che lavora in veneto che ha lavorato in progetti simili e probabilmente potrebbe darci una mano, sicuramente dei consigli.”

    Mi piace

  4. Raccogliendo un pò tutte le idee, credo sia interessante costruire un incontro con un antipasto offerto dagli amici di Gambettola, per poi parlare delle nostre idee da offrire al Comune, per fare partecipare le persone (ragazzi ed anziani) adottiamo le tecniche cuculesche a sorpresa di aggregazione sociale.
    abbracci
    Pietro

    Mi piace

  5. L’esempio di Gambettole è quanto mai stimolante. A Meldola ci sono le condizioni per ricalcare il loro esempio?
    Dalle informazioni che ho raccolto pare che i costi per la ristrutturazione si aggirino attorno a 700 mila euro.
    Dati i tempi stretti imposti dal bando messo in luce da Elena lancio una proposta: chiamare urgentemente tutte le associazioni meldolesi (La casa del Cuculo, Area sismica, scout, ProLoco, ecc…) attorno ad un tavolo in modo che siano loro, insieme a tutti coloro che vogliano aggregarsi, a costituirsi in associazione per la ristrutturazione dell’Ex Macello per destinarlo alle attività culturali e ricreative.
    Sarebbe interessante ospitare i concerti dell’Area Sismica nel centro di Meldola, accogliere le iniziative della Casa del Cuculo, disporre di una sala multifunzionale per concerti che possa trasformarsi in sala convegni.
    Propongo una prima riunione tra le associazioni interessate.

    Mi piace

  6. Guardando le foto di com’era ridotto l’ex macello di Gambettola mi fa ritenere che … ce la possiamo fare se solo vogliamo.

    Partire con una riunione fra varie associazioni può essere sicuramente un buon punto di partenza … io c’è sicuramente pur essendo una semplice testa … poco pensante.

    Grazie ad Alessandro che ha preso in cura il blog … per l’ennesima volta impestato di virus 🙂
    Ora parla inglese ma con gente come voi p’enso non desti problemi di sorta 🙂

    Saluti radiosi

    Mi piace

  7. Ho scaricato e letto il bando regionale, in soldoni emerge che:
    1) per la provincia di Forlì Cesena la regione destina per interventi edilizi destinati a centri e spazi di aggregazione per adolescenti e per attrezzature e arredi complessivamente € 93.040,70;
    2) La forma associativa deve essere emanazione dall’Ente Locale (il comune nel nostro caso), rimane da verificare come le associazioni private e i singoli cittadini possano eventualmente associarsi e contribuire alla sua gestione;
    3) Occorre presentare la domanda di contributo entro il 30 ottobre c.a. predisponendo un progetto articolato sulla base della scheda allegata al bando.

    Il contributo previsto per la nostra provincia (circa 93.000,00 €) non è il massimo ma è comunque una opportunità che dovremmo cogliere.

    Mi piace

  8. Penso che prima sia il caso di sentire gli amici di Gambettola per capire che tipo di sovvenzione hanno sfruttato … la lor mi sembrava ben più corposa …

    Saluti radiosi

    Mi piace

  9. forse non tutti sanno che uno sparuto gruppetto di cervelli si è incontrato sabato per parlare di questa faccenda (io, giulia ghini, piero, laura ed altri).Chiedo scusa per la strana gestione della fccenda ma c’è stato un fraintendimento con romeo e non tutti sono venuti a sapere dell’incontro. abbiamo buttato giù un po’ d’idee ed abbiamo deciso di chiedere udienza al sindaco per capire più o meno cosa ne pensa e cosa si potrebbe fare. lui si è detto disponibile per incontrarci venerdì 24 alle 11,00. direi che prima di allora ci si potrebbe incontrare tutti per sondare le idee, fare due chiacchiere e magari mangiare insieme. che ne dite di venerdì sera?

    Mi piace

  10. Venerdì ne parleremo; se andiamo alla Mandragola o comunque a Meldola io vi raggiungo durante/dopo cena … con le tre pesti al seguito che smollo ai giardini (almeno i grandi…)

    Saluti radiosi

    Mi piace

  11. Venerdì sera posso esserci anch’io. Ma il 24 parto per le vacanze… Intanto faccio il riassunto di quello che ci siamo detti sabato al Cuculo e sul quale ci siamo trovati concordi:

    DATI DI FATTO

    – Esiste l’opportunità di un bando di finanziamento a fondo perduto per il quale ci si può candidare per la ristrutturazione di immobili da destinare ad attività legate al mondo dei giovani/adolescenti

    – La candidatura nel caso dell’ex macello può essere presentata solo dal Comune in quanto proprietario dell’immobile ex macello

    – La presentazione delle domande scade il 30 ottobre

    SUPPOSIZIONI

    – pensiamo che il concorso di idee per la destinazione dell’ex macello non sia, al momento, tra le urgenze, le scadenze o le priorità. Ci sono attività più pressanti alle quali gli amministratori stanno rivolgendo le loro energie.

    – Se una delegazione di cittadini si offrisse come comitato promotore per gestire almeno una parte del processo di partecipazione e dell’istruttoria, forse l’amministrazione potrebbe prendere in considerazione la partecipazione al bando

    TENERE CONTO CHE

    – Nei processi partecipati il Sindaco deve chiaramente definire i confini di manovra, cioè i i vincoli del progetto e gli ambiti che sono soggetti a decisionalità

    – Deve istruire le decisioni evidenziando chiaramente ciò che è indiscutibile e ciò che è aperto ad alternative, le quali possono essere sottoposte alla partecipazione

    LA NOSTRA IDEA

    – è quella di andare dal Sindaco per sondare una sua disponibilità a collaborare con un Comitato promotore

    – eventualmente costituire tale Comitato (che significa contarci e qualificarci come chi-fa-cosa)

    – confrontarsi nuovamente con l’amministrazione per stabilire se le forze in campo sono sufficienti

    – se sì, progettare tempi e metodi

    – la posizione dello “sparuto gruppetto di sabato scorso” è quella di utilizzare il Cuculo per creare eventi di aggregazione del target diretto e indiretto (giovani, famiglie, educatori)e raccogliere quindi idee dai portatori di interesse e non da associazioni già presenti sul territorio

    – inoltre, anche se ognuno di noi scoppia di immaginazione, nella prima fase è opportuno non presentarsi con idee precostituite sulla destinazione d’uso, perchè può rendere meno credibile la disponibilità all’ascolto. In un processo di partecipazione leale l’amministrazione deve
    * creare spazi di decisionalità non fittizia
    * essere propenso a lasciarsi sorprendere dai risultati
    * essere pronto a rifiutare motivando

    Son stata leggerina?

    Mi piace

  12. Cio Giulia, ma te per chi lavori?

    Te mi spaventi sempre più … ma sei sicura che non vuoi candidarti con Noi meldolesi alla prossima buttata :-)))

    Grazie del resoconto e grazie per aver coperto la mia assenza, vedo che quando non ci sono siete particolarmente produttivi … la prox volta però facciamo che Ludo sta bene ed io non vengo solo per non fare casino 🙂

    Saluti radiosi

    Mi piace

  13. Romeo se al prossimo incontro resti a casa… facile: l’incontro stesso verrà fatto a casa tua e faremo bungee jumping sui tuoi zanetti quindi non ci provare(Grazie ma sono ancora imballata di farina e di parmigiano… è il sale di Zervia che mi amanca!)Baci, GG

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...