Tutela dell’ambiente: ognuno di noi può fare qualcosa

Vi segnalo questo interessante articolo che ci spiega i criteri da adottare come singoli cittadini per ridurre le emissioni riscaldanti. L’articolo dichiara che noi possiamo fare quasi quanto il protocollo di Kyoto, e sostiene che negli Stati Uniti sono state ridotte le emissioni di CO2 del 7,4% solo con interventi in casa e in automobile… Vale la pena leggere.

Saluti a tutti

Elena Zaccheroni

3 pensieri riguardo “Tutela dell’ambiente: ognuno di noi può fare qualcosa

  1. Verissimo, anche tutti questi “piccoli” accorgimenti aiutano l’ambiente!
    Ma se non ci sono i soldi (tra l’altro siamo in un periodaccio) è difficile poter acquistare elettrodomestici meno energivori o magari installare pannelli solari, ecc.
    E poi l’umano italiano è, secondo me naturalmente, molto poco civilizzato e se non c’è qualche direttiva (e bastonata) dall’alto……..
    Salut

    "Mi piace"

  2. Grazie Elena, va ricordato che ci sono anche incentivi interessanti per installare cappotti alle case o solari termici o fotovoltaici. Per me sarebbe il momento che i regolamenti edilizi comunali IMPONESSERO senza troppi sotterfugi ed accomodamenti certe misure che permetterebbero di uscire dall’impasse così come imponessero che le spese per nuovi vestiti di lusso o auto per le persone fossero accompagnati da equivalenti spese di “lusso” per ridurre l’energivora richiesta di ogni casa – famiglia …. ma qui ci forrebbe un “governo Nazionale” che non ha interesse a costruire cattedrali nel deserto o centrali nucleari nate morte … in poche parole torna sempre quella “coerenza” che dovrebbe vedere prima di tutto gli edifici pubblici perfettamente ristrutturati e energeticamente all’avanguardia nel consumare praticamente nulla di fonte non rinnovabile ….

    Saluti radiosi

    "Mi piace"

  3. Grazie Elena, informazione interessante, pensa che in questi anni da studi fatti dalla Facoltà di Economia Bicocca di Milano, con l’introduzione di verdura e frutta locali, a Meldola abbiamo dimezzato la produzione di CO2 riguardante i due suddetti generi alimentari.
    Speriamo di poter andare avanti introducendo anche carni, formaggi, pasta, pane e passata di pomodoro.
    Se interessa ti mando il doc da pubblicare sul blog
    abbracci
    Pietro

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...