Resoconto Consiglio d’Istituto del 13/09/10

Ecco quello che mi sono appuntato …

1. Comunicazione del Presidente;
Sono arrivato che esavamo già a questo punto (18:15) ed ho capito che si sta organizzando una serata di intrattenimento musicale in cui si raccoglieranno offerte per l’acquisto di un Lavagna Interattiva per poter dotare anche le classi 5^ delle scuole primarie di lavagna interattiva, Renato se ne sta occupando.
2. Comunicazioni del Dirigente Scolastico;
La Dirigente scolastica ora si dovrà suddividere anche con Predappio, questo perché la legge prevede reggenze per i dirigenti anche di altre scuole. La reggenza non si può rifiutare e quest’anno 12 sono state nominate come reggenze e così si è perseguita la via del risparmio. La reggenza equivale a 350€ nette al mese (7/8 volte in meno rispetto al costo di un dirigente nuovo…). Sembra che ogni preside possa “raggiungere” max 1800 alunni.
Le classi sono parecchio numerose, materne con 25 bambini ed anche 29 bambini; una sentenza non vincola nemmeno + il numero dei bambini alla volumetria dei locali quindi si può raggiungere anche i 29 bambini pur avendo locali piuttosto “esigui”. La base di interesse per le materne si è allargata e quindi fra circa due anni nella primaria ci sarà il problema di riuscire a reperire gli spazi per fare 5 quinte (contro le 4 attuali). Ci sono circa 200 alunni su 920 non italofoni. Gli alunni della materna sono stati abbastanza distribuiti nelle varie classi. Per le seconde materne una sezione è al 70% di stranieri. Viene rilevato che per le materne non ci sono spazi comuni per attività di gruppo delle varie classi ed i bambini sono “costretti” alle attività in aula che con questi numeri è quasi da “pollaio”(riflessione mia). Si auspica nel coinvolgimento dell’Amministrazione comunale per cercare di coprire questi picchi di richiesta affinché ci si possa appoggiare alle limitrofe scuole e/o riuscire a ritrovare spazi e per questo si auspica uno specifico incontro con gli amministratori. La pensilina alle elementari manca ancora per problemi di fondi economici. Nell’organico di fatto per la scuola secondaria di primo grado (media) non è stato concesso l’indirizzo musicale ma si stanno studiando con gli insegnanti di strumento (Igor Buscherini) un progetto in rete con gli istituti per valutare se si riesce ad accedere a qualche finanziamento regionale per valutare l’avvio di un progetto musicale. Dal 20 Settembre Igor Buscherini sarà a Meldola quindi si inizierà a studiare come riuscire a far partire il corso per chi è rimasto escluso. Il Corso musicale già avviato richiede una tastiera con tasto bilanciato perché quella esistente non funziona bene. Parlando poi del “patentino” in terza media per la guida del ciclomotore viene spiegato che sul progetto gratuito avviato per il perseguimento di questo patentino su un totale di 24 ragazzi iscritti al corso, solo 6 hanno raggiunto l’obbiettivo ma nonostante questo si ribadisce l’importanza del corso e si farà il possibile per mantenerlo.

3. Surroga componente Consiglio di Istituto;
Si surroga il Prof. Rossi Sauro con la Prof.ssa Caroli Antonella che sarà presente dalla prossima seduta del Consiglio.
4. Variazione al Programma Annuale E.F. 2010;
Sono arrivate le assegnazioni per il centro sportivo scolastico effettuato da Prof. Antonelli e Prof. Billi quindi gli stessi verranno pagati per il progetto dello scorso anno scolastico. Sono arrivati fondi per le aree a forte immigrazione da destinare appunto all’integrazione di questi nuovi ingressi. Ecc.
5. Orari uffici a.s. 2010/2011;
Non sono cambiati rispetto ad anno scorso. Gli stessi orari devono essere rispettati anche dagli insegnanti. La preside garantirà presenze durante la settimana e le stesse verranno pubblicizzate ed affisse.
6. Classi funzionanti e modelli orario;
Elementare con 19 classi – 6 a tempo pieno. Le prime sono a 25 bambini circa e nessun sostegno in ingresso. Sugli insegnanti di sostegno ci sono parecchi problemi (sulle medie 12 alunni e tre insegnanti…). La richiesta per il sostegno deve partire dal genitore dello stesso e se questo non avvia nulla la Scuola non può assolutamente nulla; viene rilevato come tale sistema sia piuttosto “scorretto” vista anche la complessità dell’iter burocratico ma non si può fare nulla e, in ultima battuta, chi ne risente è prioritariamente il bambino speciale e, secondariamente anche tutti gli altri alunni della classe. A questo proposito comunque il Comune ha garantito le 80 ore a partire dal 01 ottobre.
Per le secondarie di primo grado è stata garantita una congrua suddivisione dei ripetenti. Inoltre anche una congrua suddivisione degli insegnanti di ruolo nelle varie sezioni ed a questo si è dovuta la recente inversione di prime fra C e D delle scuole secondarie di primo grado.
Atti di culto;
Per la messa di inizio anno si era deciso di fare la messa alla prima ora di un giorno posticipando l’avvio delle lezioni alla ora successiva. Viene approvata tale scelta anche per quest’anno.
7. Integrazione fondo minute spese per € 350,00;
Approvato
8. Varie ed eventuali
Si richiede un centralino passante per ottimizzare le comunicazioni vista la carenza di persone. Modalità di rilascio dei duplicati dei compiti in classe; chi vuole duplicato dei compiti in classe paga 10 € ad inizio anno, a fronte di una richiesta di ridurre tale cifra si è deciso che la stessa rimane tale perché queste richieste hanno un certo peso organizzativo sulla scuola; resta premesso che il genitore che vuole vedere i compiti può comunque venire al ricevimento degli insegnanti ed il tutto è gratuito. Lavagne interattive: vengono acquistate a breve per le classi prime della secondaria di primo grado.

6 pensieri riguardo “Resoconto Consiglio d’Istituto del 13/09/10

  1. ” La base di interesse per le materne si è allargata e quindi fra circa DUE ANNI nella primaria ci sarà il problema di riuscire a reperire gli spazi per fare 5 quinte (contro le quattro attuali).”
    Così il dirigente scolastico.

    Sono passati circa 40anni dalla vendita, da parte del comune di Meldola, dell’immobile di via Pisacane. L’asilo, quello che ora viene chiamato scuola materna, venne trasferito negli spazi delle scuole medie. Una scelta, si disse allora, provvisoria. Negli anni lo spazio provvisorio delle medie non fu più sufficiente ed ecco, provvisoria e dettata dall’emergenza, la nuova scuola materna all’interno dell’Istituzione Drudi che, ogni tre o quattro anni, sempre provvisoriamente, necessita di nuove aule.

    Domanda:

    due scuole materne, una all’interno delle scuole medie e una all’interno di una casa di riposo,
    sono la scelta giusta per il nostro paese?
    Provvisoriamente mi verrebbe da dire di si, ma, obbiettivamente, sappiamo tutti che non è così. E non mi riferisco solo ai costi, sempre provvisori e maggiori che due scuole comportano ma al disagio e agli spazi “rubati” ai ragazzi delle medie e alla complessa organizzazione dell’Istituzione ( croce rossa, laboratorio analisi, camera mortuaria, mensa scuole medie, laboratori privati e ultimo, ma non ultimo, il ricovero per anziani).

    Quindi, che fare?

    Qui entra in gioco la politica:
    la visione futura che si ha del proprio paese, le scelte prioritarie che si vogliono adottare,
    il segno che si vuole lasciare.

    Almeno due volte all’anno (previone di bilancio e consuntivo di bilancio), negli ultimi cinque anni, cercai di stimolare l’amministrazione Venturi ad individuare un’area, alla luce dell’aumento di popolazione, in particolare extracomunitaria, per la progettazione e costruzione di una nuova scuola materna.
    Un’anno misero a previsione 30mila euro per una progettazione e l’anno successivo 500mila euro per…..hjayquhabuy ( Venturi, quando chiedivi chiarimenti,era spesso surreale).
    Dove progettasero e dove…edffgthhn, rimane un mistero.
    Come destra proponemmo l’area di Villa Montanari. Un progetto risultava eseguito negli anni 80, magari aggiornato, poteva essere utile. Purtroppo del sudetto progetto, ci fu riferito, che era andato perso e con lui gli 80 milioni di lire spese a suo tempo.
    Peggior sorte è toccata a Villa Montanari.

    E adesso?

    Se partiranno alcune aree residenziali il numero della popolazione aumenterà e conseguentemente la necessità di richieste per nido e scuola materna.

    Un invito che ho fatto, in una riunione ad inizio legislatura ai nuovi amministratori era quello di fare progetti, in particolare di un polo scolastico, che comprendesse nido e scuola materna. Un progetto fatto con i criteri della bioedilizia, ecosostenibile e chi più ne ha ne metta. Inserisco nel tutto anche il nido perchè libererebbe uno spazio, accanto al centro storico, che permetterebbe una espansione dell’attuale e modesto giardino pubblico o, in alternativa, un parcheggio.

    I progetti costano e i soldi sono quello che sono, ma senza progetti i vari contributi europei, nazionali e regionali resteranno una chimera.

    Sono certo che l’allarme lanciato dal dirigente scolastico sarà recepito dalla nuova amministrazione, per evitare, non peraltro, gli errori del passato.

    Stefano

    "Mi piace"

  2. Ciao Stefano,
    ed io che pensavo che ti fossi trasferito….
    Bella la tua disamina, effettivamente senza citazioni non sembra proprio farina del tuo sacco….
    Per entrare nel merito, interessante questa reggenza di un preside fino ad un max di 1800 alunni, questa si che è efficienza, ma è prevista dalla nuova GRANDE riforma della scuola????
    Per quanto riguarda le scuole di Meldola, sembra proprio che non ci aspettano tempi belli… Rimbocchiamoci le maniche
    A proposito: mi sembra strano che non esistano vincoli nell’edilizia scolastica relativi a rapporto dimensioni aule e numero di bimbi presenti, senza parlare poi di problemi relativi alle norme antincendio. Mah, chissà?!?!
    Ciao a tutti.
    Massimo

    "Mi piace"

  3. Effettivamente c’è da dartene atto, ricordo quando facevi presente la mancanza di progetti in merito ai plessi scolastici. Ricordo anche la sventagliata di speranza che precedette il no della scuola Privata Monsignor Achille Lega e che poi si rimandò tutto alle famose nuove urbanizzazioni.
    Speriamo che si svolti perchè fin qui mi pare che di novità ce ne siano pochine in merito alla scuola ….
    Poi pensando ai progetti mi viene in mente quello del sottopasso presso la nuova bidentina per andare alla CONAD; li il progetto è stato fatto ma … non ci sono i soldi per realizzare il sottopasso e così … aspettiamo che qualcuno ci rimanga schiacciato e poi malediremo lo Stato che non ci ha dato i soldi per il sottopasso quando faremo le condoglianze ai famigliari dello schiacciato/a.
    Magari si potrebbe organizzare una festa per raccogliere i fondi per un progetto … ma qui non vedo troppe vie di uscita se non iniziare a far partecipare le persone, i genitori, gli anziani … TUTTI. Ma come?
    Discutiamone …

    Saluti radiosi

    "Mi piace"

  4. Stavolta il Sig. Bandini mi è proprio piaciuto! Condivido appieno le sue parole e proposte vecchie e nuove.
    Vedremo se la “nuova” amministrazione ha delle idee in merito alle scuole locali.
    Salut

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...