Mensa di Meldola a che punto siamo?

Sinceramente è un pò che non riesco a trovare il tempo di scrivere questo articolo ma dopo il recente incontro tenuto a Meldola con il Gruppo di Acquisto Solidale sento la necessità di provare a fare il punto per quello che ho realizzato e assodato nel tempo in merito alla mensa meldolese.

Avevo salutato con estremo piacere e con due dita in segno di vittoria gli sviluppi ottenuti con l’insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione presso l’Istituzione Davide Drudi (che gestisce la mensa centralizzata del nostro comprensorio) ma ora vediamo di fare il punto, che sarà mia cura riportare puntualmente, dopo aver assistito al prossimo incontro del COMEDA che mi hanno anticipato oramai imminente.

Chiederò da quanto tempo i nostri figli mangiano la carne locale, il pollo, il parmigiano i formaggi molli e la pasta come è stato deliberato in Consiglio … e che ci era stato annunciato in avvio con l’inizio di quest’anno scolastico dal Consigliere Francesco Bertaccini; penso che in quasi un anno e mezzo dalla delibera del Consiglio di Amministrazione probabilmente saremo andati anche oltre e sono veramente curioso di saperne di più.

So per certo che a Forlimpopoli da gennaio 2010 la carne rossa proviene da Cusercoli e viene macellata a S.Sofia ed è stata riattivata una stalla dismessa dando anche del lavoro proprio per garantire l’approvvigionamento della mensa, chissà invece la provenienza della carne rossa meldolese.

Nel frattempo so anche per certo che Mengozzi ha perso l’appalto della frutta e verdura in favore dell’azienda Clorofilla di Sarsina ma qualcuno mi ha messo il dubbio che la stessa produca il 51% di quanto rifornisce alla mensa (che pare fosse alla base della gara di appalto) e questo lo ritengo più che indispensabile per mantenere la via che avevamo segnato come comitato mensa … quale momento migliore quindi per avere informazione dall’Istituzione per capire esattamente cosa è prodotto da Clorofilla e cosa no.

Sulle analisi di impatto ambientale e di CO2 emessa con le produzioni locali fatte dalla Bicocca so che abbiamo segnato il passo ma non dispero che ci sia comunque una attenta analisi, magari fatta da altri esperti degni di altrettanta fiducia, perchè è assolutamente importante tenere tracciati i nostri progressi nel giusto senso.

 E poi ci sarà il discorso della frutta alle scuole per merenda che anno scorso era da agricoltuta biologica, fresca e intera e utilizzava la manovalanza dei bambini anche per cercare di farli screscere consapevoli di come madre natura ce la doni e della stagionalità e che ora (rientrando nel progetto europeo frutta nelle scuole)  per un paio di volte la settimana invece è confezionata sotto vuoto dalla apofruit a Longiano, messa in vaschetta di plastica (non producevamo più rifiuti plastici da almeno tre anni…), è coltivata con produzione integrata, da conservare in frigorifero fino al consumo e con antiossidanti come l’acido ascorbico … pensa te che impatto ambientale ha una tale scelta … e che costi avrà per la Comunità Europea (ma chissà poi chi glieli da questi soldi alla Comunità Europea????

Insomma, avremo spazio per confrontarci e per discutere e anche per applaudire i passi avanti fatti e criticare quelli indietro …

Altre idee e questioni da affrontare sull’argomento?

Saluti radiosi

Annunci

8 pensieri riguardo “Mensa di Meldola a che punto siamo?

  1. Caro Romeo grazie per l’articolo e per la nuova iniezione di energia sul progetto mense.
    è un peccato che dopo tante promesse il progetto sia fermo, speriamo che il 2011 porti consiglio.
    Il progetto Apofruit per me è fonte di tristezza, abbiamo lottato tanto per avere la frutta alle 10 di mattino, i genitori si erano già abituati in una buona % a dare un frutto alle dieci, poi si è presa la decisione (per me molto discutibile!) che era la mensa a dare la frutta alle 10 ed adesso siamo ai pezzi di frutta da lotta integrata (prodotta in Italia ?) + antiossidante il tutto in un bel barattolo di plastica, siamo tornati indietro di 10 anni, complimenti ! Le insegnanti insegnano il rispetto della natura a scuola ma se alle parole non seguono le azioni è tempo perso.
    saluti
    Pietro

    Mi piace

  2. Quanto viene pagata al produttore al KG la frutta del progetto Apofruit ? Quanto costa il progetto europeo che noi finanziamo con le tasse ? Quanto costa l’impatto ambientale del progetto ?

    Mi piace

  3. Speriamo che si possa fare qualcosa per sfruttare un pò di più le risorse locali ed eliminare quella frutta in vaschetta che è davvero deprimente, oltre che dannosa dal punto di vista ambientale.
    Tieni duro, Romeo.
    Spero di riuscirti a dare una mano da settembre…

    Mi piace

  4. La visione di quello che è sostenibile per l’ambiente non caratterizza il sentire comune anche se ci vuol poco a capire che la plastica delle vaschette inquina, costa e abitua i bambini ad abitudini errate.
    Non è educativo mangiare la mela in vaschetta. La crisi ci porterà forzatamente a mangiare la mela colta dall’albero (non saranno soldi da sprecare per imballaggi inutili) noi vorremmo cambiare lo stile di vita e l’approccio al cibo proprio per uscire senza ulteriori traumi dalla crisi economica nell’unico modo possibile, sposando un modello eco-sostenibile.
    Se poi volessimo istituire un comitato l’ex-mensabio potrebbe portarci fortuna (vedi ex macello)

    Mi piace

  5. cari ragazzi, qua si fanno i salti indietro come i gamberi. pensate solo che l’insalata fa questo giro: prodotta da mengozzi , va al mercato generale a bologna, acquistata da sarsina e poi ritorna ameldola. non c’è che dire: VIVISSIMI COMPLIMENTI AL GENIO ITALIOTA!
    non voglio perdermi la riunione per cui fatemi sapere la data, non sia altro per non perdermi cosa diranno i nostri politici per giustificare queste scelte illuminate. anche se la risposta è già nota: embè che ci volete fare? non ci sono i soldi.

    Mi piace

  6. La riunione è Giovedì p.v. (domani) dalle 18:00 in poi all’Istituzione.

    Speriamo di avere buone notizie anche se non dispero che il buon senso sia ancora in essere.

    Saluti radiosi

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...