ACQUA PUBBLICA: FANNO COME GLI PARE

Dopo che più di 27 milioni di italiani hanno espresso chiaramente e con percentuali bulgare di voler abrogare quella parte di leggi che prevedevano la privatizzazione dei servizi pubblici di rilevanza economica (tra cui il Servizio Idrico Integrato) e l’eliminazione dei profitti garantiti sulla tariffa caricando sulla bolletta un 7% a remunerazione del capitale investito;
dopo che la Corte Costituzionale con la sentenza 26/2011 ha sancito  che con la vittoria dei referendum “si persegue chiaramente la finalità di rendere estraneo alle logiche del profitto il governo e la gestione dell’acqua”, che pertanto tutte le norme contrastanti con le finalità referendarie potrebbero considerarsi implicitamente abrogate e che l’esito di questa abrogazione è direttamente applicabile, quindi immediatamente operativo,
NON E’ CAMBIATO NULLA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Anzi abbiamo il ministro Sacconi che il 15 settembre “si augura che troveremo il modo per mettere in discussione il referendum” (sic?!?!?!) parlando dell’impulso alle liberalizzazioni che il governo voleva dare per sostenere la crescita economica.
Nel territorio romagnolo, il Comitato Provinciale Acqua Pubblica di Forlì è stato molto attivo dopo la vittoria referendaria ed è riuscito ad incontrare 12 sindaci su 15 della provincia di Forlì (ahimè non il Sindaco di Meldola) per esortarli a prendere atto dell’esito dei referendum ed a fare quanto in loro potere per renderlo operativo. Inoltre, sempre il Comitato di Forlì, ha preso recentemente parte (2 giorni fa)  all’assemblea della A.A.T.O n.8, esortando i Sindaci di tutti i comuni della provincia di Forlì-Cesena ad applicare tempestivamente l’ esito abrogativo del Referendum, il quale ha espunto dalla Tariffa del Servizio Idrico Integrato “ La remunerazione del Capitale Investito “. Purtroppo quello che è emerso durante tale assemblea è che i Comuni, in particolare quelli maggiori ( con quote di maggioranza nel Consiglio di Amministrazione di Hera ), non abbiano mostrato una chiara volontà di ottemperare al responso referendario.

Continua a leggere “ACQUA PUBBLICA: FANNO COME GLI PARE”

Annunci