Resoconto serata: Quale Acqua dopo il referendum?

IMG_6598Circa 30 presenti. + 8 nel tavolo del Consiglio fra relatori, assessori e consiglieri.

Sindaco Zattini Il momento di massima democrazia partecipata è quello del referendum; tutti i referendum fatti non hanno portato a nulla nonostante le percentuali bulgare che gli stessi hanno raggiunto. Per il momento anche quello dell’acqua non ha sortito effetti.
Al momento del referendum tutti sono partecipi ed in prima linea ma poi si iniziano le varie giustificazioni per non procedere a cambiare nulla. Presenta tutti i convenuti spiegando che però manca Hera che ha declinato l’invito e che, oltre a macinare utili notevoli, dovrebbe però essere maggiormente presente in questi momenti di confronto. Il Comune di Meldola ha espreeeo fortemente la sua posizione uscendo dal patto di Sindacato di Hera (nonostante resti azionista come Comune).
E’ stato recentemente approvato un ODG in Consiglio Comunale un ODG per invitare Hera al rispetto dell’esito del referendum.
Il distacco per morosità o comunque perentorio dell’acqua è un argomento da approfondire con Hera per trovare con la stessa una sorta di soluzione che possa salvaguardare le fasce deboli.

Sindaco Balzani Partecipa sia come Presidente dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese, spiega che in questa veste appoggia la scelta chiara del Comune di Meldola avendola fatta proprio comune anche nell’Unione di tutti i Sindaci.
Vorrebbe identificare i beni Comuni che vengono prima della politica, del profitto e di altri aspetti. Alcuni servizi pubblici locali, remunerati da tariffa, sono oggettivamente beni comuni gestiti per conto della collettività (acqua – rifiuti ad esempio) ed in cui non è ipotizzabile concorrenza.
Tutto quello che serve per far funzionare questi servizi viene recuperato dalle tariffe e su questi non si deve poter lucrare. Cosa diversa è il Gas o la luce che rientrano nel mercato libero. La multi utility si occupa sia di beni pubblici in senso stretto che del mercato. Avendo Hera la possibilità di gestire questi servizi si avvantaggia inevitabilmente quindi della sua posizione avendo già tutti quali utenti del servizio pubblico anche per allargare poi a gas e luce.
Le reti devono restare in carico al pubblico che poi può essere dato in gestione a qualcun altro. Unica Reti è un caso unico di gestore pubblico che sta partecipando alla gara per le reti del GAS.
Continua a leggere “Resoconto serata: Quale Acqua dopo il referendum?”

Annunci

Scuola pubblica, vogliamo parlarne? Martedì 25 ore 18:00 teatrino Scuole Medie

Non ho mai nascosto quanto importante sia per me la scuola; tra tutte, per il mio sentire, quella pubblica è quella che più va tutelata proprio per la funzione trasversale che compie nel formare la nuova classe di cittadini indifferentemente dal ceto sociale delle famiglie.

All’ultimo Consiglio d’Istituto ho percepito le complicazioni e le difficoltà che aumentano e le modalità con cui vorrebbero, i professori e maestri, portare a conoscenza appunto di queste difficoltà. Modalità che purtroppo mettono in mezzo, sostanzialmente, solo i nostri ragazzi; proprio per questo assieme agli altri genitori presenti al Consiglio d’Istituto abbiamo chiesto a Prof. e Maestri di poterci incontrare per spiegare nel dettaglio esattamente la situazione della nostra Scuola di Meldola.

Spero che martedì prossimo (25 marzo) alle 18:00 puntuali presso il teatro delle scuole Medie in viale della Repubblica ci saremo in tanti … lo dobbiamo ai nostri figli, e perchè no … ai nostri nipoti, e perchè no … a noi stessi che comunque quelle scuole le abbiamo “solcate”!

Saluti radiosi

Resoconto conferenza “Corretta alimentazione” del 15/02/2014 c/o ISSD

Alle 11:00 quando sono arrivato la Dott.ssa Cortesi Claudia aveva già iniziato intervento, spero non aver fatto troppi errori di trascrizione!

I disturbi alimentari attuali al contrario delle credenze non vedono in aumento bulimia ed anoressia, quello che è preoccupante è che cala l’età dei ragazzi coinvolti da queste malattie.
Occorre prestare attenzione a mantenere bilanciate assunzione di calorie e consumo energetico.
Uno spuntino pomeridiano ad esempio con tubetto di pringles e barattolo di coca cola da 800 Calorie delle 2000 che servono in una giornata media senza apportare proteine. Come Calorie equivale a circa 350 gr di spaghetti con il pomodoro (chi riuscirebbe a mangiarne così tanti?)
Quel che si mangia in tutto un giorno dovrebbe stare in un piatto. Max 3-4 volte la settimana mangiare carne.
Ora è in auge la nutraceutica (alimenti che hanno una funzione benefica sulla salute umana) anche se con un’alimentazione variegata è perfettamente inutile. In aumento l’ortoressia (attenzione patologica alle regole alimentari e alla scelta del cibo.
Spiega poi che in Emilia Romagna circa il 25% della popolazione è sovrappeso e sono purtroppo in aumento casi di diabete pediatrici. Continua a leggere “Resoconto conferenza “Corretta alimentazione” del 15/02/2014 c/o ISSD”

Resoconto Consiglio d’Istituto del 14 Febbraio 2014

Alle 17:45 si iniziano le attività:

Approvazione verbale seduta precedente
Approvato

Comunicazioni del Presidente
In merito alla tettoia sulle scuole Primaria di secondo grado vista la precedente richiesta del passato Consiglio d’Istituto, cui non è stato dato sostanzialmente corso si decide di rinnovare la richiesta al Comune come Consiglio d’Istituto.
Problemi su una porta d’emergenza della scuola Primaria di secondo grado (a sx della scuola guardandola da via Cavour) sembra che nonostante alcuni interventi di manutenzione non è comunque in apertura sicura e rapida pertanto anche su quella si inoltrerà richiesta specifica al Comune volta a risolvere definitivamente il problema.
Ci sono le porte REI di compartimentazione antincendio alle scuole primarie per dare garanzie di segregazione dei vani in caso di emergenza ma le stesse non hanno comandi automatici di chiusura. Il Consiglio d’Istituto chiederà pertanto all’Amministrazione Comunale la tempistica per la predisposizione dell’impianto per lo sblocco delle porte in caso di emergenza antincendio.
Si chiede anche di avere comunicazioni certe da parte dell’Amministrazione per le date di inizio e fine lavori nei locali scolastici dei vari plessi per poter sia preparare la messa in sicurezza e segregazione degli oggetti di valore ed anche per avere garanzie circa l’accesso ai locali scolastici quando le attività scolastiche riprendono. Inoltre occorrerà anche avere ben individuati gli interventi e dove gli stessi si faranno per capire bene come poter predisporre e cosa serve liberare per permettere i lavori in oggetto.
Un appunto derivante da segnalazione di un genitore sul menù della mensa in quanto sembra che alle elementari ci siano parecchi scarti, alcune obiezioni sul parmigiano nell’ultimo periodo; sui bocconcini c’è forse troppa cipolla, se si riuscisse a non mettere assieme insalata e secondo nello stesso piatto non sarebbe male; pizza, ultimamente non è un gran che e non più troppo gradita. Visto che lo si è già fatto si potrebbe tornare a pesare gli scarti per vedere come stata andando il gradimento del menù. E’ stato consigliato di partecipare alle riunioni del Comeda così come segnalare i problemi costantemente tramite le schede e tramite telefonate alla dietista e alla struttura della Cucina così come al convegno organizzato per il 15 Febbraio presso i locali dell’ISSD. Continua a leggere “Resoconto Consiglio d’Istituto del 14 Febbraio 2014”