Resoconto conferenza “Corretta alimentazione” del 15/02/2014 c/o ISSD

Alle 11:00 quando sono arrivato la Dott.ssa Cortesi Claudia aveva già iniziato intervento, spero non aver fatto troppi errori di trascrizione!

I disturbi alimentari attuali al contrario delle credenze non vedono in aumento bulimia ed anoressia, quello che è preoccupante è che cala l’età dei ragazzi coinvolti da queste malattie.
Occorre prestare attenzione a mantenere bilanciate assunzione di calorie e consumo energetico.
Uno spuntino pomeridiano ad esempio con tubetto di pringles e barattolo di coca cola da 800 Calorie delle 2000 che servono in una giornata media senza apportare proteine. Come Calorie equivale a circa 350 gr di spaghetti con il pomodoro (chi riuscirebbe a mangiarne così tanti?)
Quel che si mangia in tutto un giorno dovrebbe stare in un piatto. Max 3-4 volte la settimana mangiare carne.
Ora è in auge la nutraceutica (alimenti che hanno una funzione benefica sulla salute umana) anche se con un’alimentazione variegata è perfettamente inutile. In aumento l’ortoressia (attenzione patologica alle regole alimentari e alla scelta del cibo.
Spiega poi che in Emilia Romagna circa il 25% della popolazione è sovrappeso e sono purtroppo in aumento casi di diabete pediatrici. Continua a leggere “Resoconto conferenza “Corretta alimentazione” del 15/02/2014 c/o ISSD”

Annunci

La politica e la spesa quotidiana

Sapete bene come la penso sul voto elettorale e sul fatto che sostanzialmente votiamo ogni volta che facciamo la spesa. Non mi soffermo su cosa sia successo alle ultime elezioni amministrative di alcuni Comuni (e di cosa succederà ai ballottaggi…), ognuno può pensare e farsi l’idea che crede visto che come al solito non ha perso nessuno.

Io invece voglio soffermare la tua attenzione sull’importanza del carrello della nostra spesa e sull’importanza di mantenere localmente ed a persone che rispettino sia l’ambiente che l’etica del lavoro i nostri soldi.

Da come la vedo io non ci sono più sicurezze assolute sul “nutrimento” e sul “vestiario” che acquistiamo per il semplice motivo che non si riesce più a “tracciare” il percorso completo del prodotto che mettiamo sulle nostre tavole dal seme fino al prodotto finale, questo può portare ad imbarazzanti fiducie date a questo o quello spot pubblicitario oppure a qualche lascito intergenerazionale (la mamma acquistava pasta “xxxx” ed io continuo ad acquistarla…). Oltre a questo può però anche portare a ben altre soluzioni e cioè “sbattersi” per cercare di seguire un percorso appunto dal seme alla tavola.

Ti propongo quindi queste possibilità che non necessitano altro che di attivarsi personalmente … nessuna pubblicità se non quella del passaparola, nessun marchio registrato, nessun ricarico, nessun intermediarioContinua a leggere “La politica e la spesa quotidiana”

Resoconto incontro COMEDA 20 Gennaio 2011.

Per l’Istituzione presenti: Consigliere Bertaccini Francesco, Dott.ssa Milillo Maria Alfonsa, Dott.ssa Giuseppina Campo (Giusi per gli amici). Per gli insegnanti presenti: Renzi Nicoletta per Asilo Nido, Bertaccini Paola per la scuola Primaria, Colangelo Donatina per le Scuole Secondarie di primo grado. Per i genitori presenti: Mengozzi Matteo, Errichetti Davide, Briccolani Paolo, Zeccherini Silvia, Finelli M. Concetta, Zecchini Silvia, Malpede Mirna, Mambelli Licia, Arpinati Loretta, Vignali Alessandra, Mambelli Licia, Zambelli Anna Maria, Venezia Pietro, Giunchi Romeo, Boattini Alessandra, Naldini Achille

L’incontro parte alle 18:40, Bertaccini spiega che alla fine dell’incontro, verso le 20:30, ci sarà una degustazione di alcune portate dal menù dei nostri ragazzi e che il precedente incontro prima di Natale è andato deserto per problemi di neve e così questo è ufficialmente il primo incontro di quest’anno scolastico. Passa poi a presentare la Dott.ssa Milillo e la nuova dietista Giuseppina.
Milillo sottolinea il significato del termine COMEDA che non è solo COmitato Mensa ma anche EDucazione Alimentare. Entro l’anno si vuole far passare in delibera dell’ISSD il regolamento, di cui si può leggere qui la storia …, del COMEDA per renderlo un vero e proprio atto giuridico quindi invita, dopo averne consegnato copia a tutti i presenti, a valutare eventuali integrazioni e proporle direttamente quanto prima (tu che leggi sul blog puoi commentare le tue integrazioni, modifiche).
Spiega l’operato e le aree di azione dell’Istituzione ai Servizi Sociali ai nuovi intervenuti.
Ribadisce che frutta e verdura sono biologiche e territoriali e vengono fornite analisi sia in grafici sia in tabelle che vanno ad approfondire questa “territorialità”  prendondo in esame l’anno 2010. Il progetto iniziale che ci ha portato a questo traguardo ha visto il coronamento con il progetto europeo bio-food di cui Meldola è parte integrante e promotrice. Continua a leggere “Resoconto incontro COMEDA 20 Gennaio 2011.”

Organic food in pubblic schools: incontri dal 22 al 26 giugno

Un progetto che coinvolge Meldola, Buje (Croatia), Verteneglio (Croatia), Wolfhagen (Germany) Laives (Italy), Scandiano (Italy), la provincia di Reggio Emilia (Italy) e Mölndal (Sweden).

Incredibile che siamo rientrati in un progetto di così vasta portata ma è un progetto che non può sbagliare!!!

Per me stiamo scrivendo una pagina di storia di un nuovo mondo. Riuscire a rendere locali le materie prime delle mense dei nostri figli/scolari (per iniziare a dare il buon esempio) può aprire a nuovi orizzonti e a nuovi approcci che potrebbero effettivamente anche essere la leva per cambiare quello che sembra ineluttabile e che in un solo nome tutti si ostinano a definire globalizzazione dei consumi.

Lo so, è un vagheggiamento che forse va troppo avanti ma penso sia importante esserci e partecipare … io purtroppo oggi sono stato fermato da una labirintite fulminante ma penso che recupererò giovedì 🙂

Saluti radiosi e grazie, grazie grazie!

Resoconto incontro Comitato Mensa Meldola del 27/05/2010

Partenza ore 18:40 praticamente puntuali. Per l’Istituzione presenti tre cuochi, la Dietista Dott.ssa Felicita, la Responsabile alberghiera Dott.ssa Milillo, il Vice Presidente Geom. Bertaccini; per i genitori circa 15 presenze, due insegnanti di primaria e una del Nido.

Sui questionari da poco distribuiti ai genitori delle scuole primarie viene presentato un resoconto sintetico da cui, come aspetti salienti, emerge che a fronte di 377 questionari circa distribuiti ne sono rientrati il 94% (Ottimo risultato!)
Dall’analisi di questi emerge che il 94,3 % di questi genitori è a conoscenza dell’importanza del consumo di frutta a merenda; il 78,6 % conosce l’importanza della frutta fresca biologica. I bambini (50,3%) consumano tra 1 e 2 frutti in più al giorno (rispetto a prima del progetto) e in terza e quinta questo già ottimo risultato è migliorato per giungere al 55 e 57%; i genitori sono soddisfatti del progetto al 77%.

Le maestre presenti rilevano un aumentato appetito nei bambini a pranzo nei giorni della merenda a base di frutta nonostante i questionari dimostrino che apparentemente questo risultato è vero solo per il 46% dei genitori. Fino alla terza i bambini mangiano meglio la frutta, quando arrivano alla quinta invece fanno + fatica. Ci sono comunque classi che finiscono il giorno successivo la frutta avanzata il giorno prima. Emergono alcuni problemi per delle classi 4^ in cui la percentuale di genitori che ritiene il progetto della frutta a scuola un’imposizione è più alto rispetto alle altre classi (5% contro 1,8% medio) Continua a leggere “Resoconto incontro Comitato Mensa Meldola del 27/05/2010”

La pietra ollare in cucina

pietra ollareLa pietra ollare: la pignatta dei miei sogni! Ne trovai una in un mercato toscano da un ragazzo che, essendo socio di un club di cucina medievale, ne aveva importato un container. La regalai a mia suocera. Me ne innamorai (della pentola, non della suocera), tornai per comperarne un’altra, ma le aveva finite. Ne aveva solo una, enorme, 80 kg di peso, impiantata stabilmente nel suo bellissimo caminetto, con tanto di coperchio in pietra, e in quello cuoceva gli umidi di cinghiale per le manifestazioni storiche. Ma non mi sono arresa. La pietra saponaria (o steatite) è impiegata dall’antichità ai giorni nostri soprattutto nell’edilizia. Ma fino al medioevo, nei luoghi del mondo dove esistono le cave di questa bella pietra grigio chiaro, la popolazione locale ne utilizzava le lastre per la cottura dei cibi e fabbricava con scultura a tutto tondo bellissime pentole per la cottura di umidi. Da qui anche il nome di pietra ollare (in spagnolo olla = pentola). Continua a leggere “La pietra ollare in cucina”

Resoconto della riunione del COMEDA di giovedì 19 novembre 2009.

Eccomi nella mia prima esperienza da verbalizzatrice, spero di non deludervi.

Genitori presenti:

Mengozzi Matteo
Sacco Annamaria
Errichetti Davide
Briccolani Paolo
Marchi Erica
Zeccherini Silvia
Cappelli Alice
Finelli M.Concetta
Sirotti Stefania
Mambelli Licia
Marchi Deni
Marchi Erica
Campana Antonella
Fornasari Marialuisa
Calzolari Dino
Venezia Pietro
Peron Paola
Vignali Alessandra

Presenti anche la dottoressa Melillo in qualità di coordinatore, Francesco Bertaccini (vice presidente dell’istituzione) e la dietologa Francesca Felicità, che ha creato il nuovo menù.

Si comincia alle 18:30 e la dottoressa Melillo presenta Francesco Bertaccini e la dottoressa Francesca Felicità. Continua a leggere “Resoconto della riunione del COMEDA di giovedì 19 novembre 2009.”